Still Life - Uberto Pasolini 2012


John May è un impiegato comunale che si occupa di organizzare  funerali a persone decedute senza parenti e senza amici. Un giorno però riesce a rintracciare la figlia dell'ennesimo morto in solitudine e...Still Life affronta e racconta una questione  enorme "la solitudine degli anziani" e la solitudine in generale. E lo affronta in maniera plumbea ma non pesante, vi è sempre una vena di commedia sottostante. John May è una persona mite, riservata, abitudinaria, "invisibile". Vive solo e cerca di dare un senso a persone sole, morte sole. Organizza funerali a spese del Municipio, cercando di trovare qualcuno che conoscesse lo scomparso. E nell'enormità di solitudine in cui e sommerso e che si ritrova ad affrontare, trova che queste persone si erano perse e rimette insieme i cocci di esistenze che avrebbero avuto bisogno di più pazienza e umiltà. Un film che fà riflettere su come ci si pone rispetto a chi ci circonda e se l'assunto "si nasce soli e si muore soli" faccia parte dei nostri valori e aspettative. La regia è essenziale, ma lucida e ci mette pochissimo a farci entrare nel film ed ad essere e vivere con il protagonista. Il tutto rafforzato da una grande interpretazione di Eddie Marsan. Premio Orrizzonti per la  miglior regia a Venezia '70.

5 Stelle

Gravity - Alfonso Cuaròn 2013


-Un gruppo di astronauti sta riparando uno
Shuttle in orbita. Vengono avvisati che uno
sciame di detriti li stà investendo, Si salveranno
solo in due e inizieranno le peripezie per
tornare sani e salvi sulla terra....
"Gravity" è un film spettacolare e non solo
 nelle immagini. Ti fa restare incollato alla
poltrona per 92 minuti senza cedimenti. Una
drammatica odissea nello spazio profondo,
e come in "All is Lost" che spero vedrete a febbraio,
per raccontare il viaggio nella vita, tra pericoli
e avversità, per ritrovare il valori più profondi
dentro di noi. Da segnalare l'ottima prova di
Sandra Bullock. (brillante, la scena in cui rientra
nella navicella dopo il gelido viaggio nello spazio
siderale e si ricompone come un feto all'interno
dell'utero materno) Non è una pellicola per agorafobici 
ne per chi soffre di vertigini. Grande cinema
ai massimi livelli spettacolari.

5 Stelle

Dietro i Candelabri - Steven Soderberg 2013


Il film narra la storia d'amore tra Liberace,
pianista virtuoso ed esuberante e il giovane
Scott, intenzionato a diventare veterinario...
Tutto è così smaccatamente gay, con luccichii
sfarzo e ambientazione kitsch che ad
Hollywood nessuno a voluto produrlo e
si è dovuto sottoporlo alla HBO nota emittente
televisiva via cavo. Il film parte con pretese
da commedia ma non ci arriva mai ad esserlo
compiutamente, tra l'altro si intuisce dopo venti minuti 
come andrà a finire la storia. Da segnalare
le due buone interpretazioni di Douglas e Damon.

2 Stelle

Blue Jasmine - Woody Allen 2013


Jasmine è una pusillanime donna di New York,
sposata ad un ricco donnaiolo che si rivelerà anche
un truffatore. Quando il matrimonio và in pezzi
si trasferisce a San Francisco nella modesta casa
di sua sorella, decisa a ricostruirsi una vita...
Se questo fosse il film di un debuttante, potremmo
gridare al miracolo. Pieno di ritmo, con una 
sceneggiatura precisa e incalzante e con un'interprete 
bravissima. Ma è opera dell'ormai ottantenne Allen, 
che per quelli come me che hanno già visto molti
suoi film suona di già visto, del solito menage
che continua a proporci pescando dall'alto dei
suoi ormai cinquant'anni di frequentazione dei
salotti di psicologi e psichiatri. Il film vale la
visione di Cate Blanchett, strepitosa.

4 Stelle 

Zoran, il mio nipote scemo - Matteo Oleotto 2013


Paolo Bressan è un alcolizzato che sogna di 
cambiar vita. Muore una sua zia Slovena e gli
lascia in eredità la custodia del nipote (scemo) 
che si rivela un fenomeno con le freccette...
Il film inizia con due uomini che giocano a dama
con dei bicchieri di vino al posto delle pedine.
Il leit-motiv di tutto il film sarà il vino bevuto,
ritratto di un Friuli fatto di alcolizzati o idioti,
Battiston interpreta una "persona cattiva" forse 
più per alternativa ad una realtà assolutamente
inconsistente che per scelta caratteriale. La
storia porta ad un lieto fine finale assolutamente
slegato dalla cattiveria e dalla vacuità sviluppata
nella narrazione. Tutto sembra una scusa per 
permettere a Battiston di dimostrare che è bravissimo.
Premiato a Venezia '70 ?

1 Stella

Il Passato - Asghar Farhadi 2013


Un uomo torna a Parigi per firmare
il divorzio dalla sua ex, ma non sarà
così semplice...Il passato tornerà impetuoso.
Le prime immagini del film mostrano
un uomo che arriva all'aeroporto di
Parigi, una donna lo stà aspettando, si
parlano attraverso un vetro, ma non si capiscono.
Questo incipit è la chiave del film, diretto
e interpretato magnificamente. Farhadi mette
in scena un dramma con dialoghi e situazioni
talmente reali da andare oltre la realtà,
insinuandosi nell'animo umano, da maestro.
Dopo l'Oscar per "Una Separazione"
un'altro piccolo grande film.

4 Stelle

Tutti pazzi per Rose - Règis Roinsard 2012


Negli anni '50, la figlia del proprietario 
di un negozio di cartolibreria di provincia,
decide di voler diventare segretaria in un 
ufficio in città, unica dote, è brava a
scrivere a macchina...diventerà famosa.
Perfetta commedia romantica in stile
Hollywoodiano. Solo che è made in France,
e con un regista esordiente. Tinte pastello,
luccichii, unghie colorate e tanto vintage.
Divertente e riuscita. Imperdibile per gli
amanti del genere. In Italia questi film
non siamo capaci o non vogliamo farli ?
Uscito in Italia il 30 maggio 2013.

4 Stelle

Confessions - Tetsuya Nakashima 2010


Tratto dal romanzo 
"La Confessione" di Kanae Minato
Un'insegnante di scuola media decide
di vendicarsi dopo che sua figlia e morta
in un apparente incidente in una piscina...
Può essere legittima la vendetta ? Può
essere un'ancora di salvezza ? Nakashima 
mette in scena la narrazione con stile fra il videoclip
e il post-moderno, sorretto da immagini e musiche
evocative, intrise di romanticismo che rimanda
alla società nipponica. E' proprio il contrasto
fra immagini e narrazione che destabilizza.
Bellezza  e crudeltà appartengono allo stesso mondo.
Bravi i due ragazzi protagonisti. 
Black Dragon Audience Award 2011 
al Far East Fil Festival di Udine.
Uscito in Italia il 9 Maggio 2013

4 Stelle

Il Caso Kerenes - Calin Peter Netzer 2013


In una famiglia della borghesia Romena
succede una tragedia. Il figlio uccide in
un incidente d'auto un ragazzo. Questo
sconvolgerà i già precari equilibri...
Netzer potrebbe appartenere al vecchio
Dogma 95 di Von Trier e Vinterberg,
tutto il film e girato con camera a mano e 
questo tiene alta la tensione emotiva di
una messa in scena pregnante, dentro la
società Romena e dei suoi meccanismi.
Girato, diretto e interpretato magnificamente.
Il regista non vuole dare significati impliciti
o espliciti, ci racconta semplicemente
una storia diretta, cruda, esemplare.
Orso d'Oro a Berlino 2013

5 Stelle 

Giovane e Bella - Francois Ozon 2013

Storia di una diciassettenne che non
ha ben chiaro come usare la propria sessualità,
mette in atto, a modo suo, una ricerca .....
Una frase che ricorre nel film è "Ti sei levata il pensiero"
la verginità come un fardello, come qualcosa che
"impedisce". La protagonista senza precisi riferimenti,
non sa che farsene della sessualità e quindi la relega
ad uso e consumo, più per noia e gioco, che per necessità.
Immersa com'è, in un mondo di adulti benestanti incapaci
seppur lontanamente di capire cosa passi per la sua testa.
Ozon non emette giudizi, ci guida con dovizia
dentro il suo mondo sfolgorante di bellezza e giovinezza.
Tre possibili finali che il regista rilancia continuamente.
Lo lascia aperto e ci fa intravedere un possibile contatto
con la propria umanità, seppur lacerata, quando
ritorna sul luogo in cui frequentava il suo cliente più
affezionato. Senso e giudizio, allo spettatore.

4 Stelle

Sole a Catinelle - Gennaro Nunziante 2013


Il fenomeno Zalone è arrivato al terzo film
e ha incassato 18,6 milioni di euro in un
week-end, forte anche delle 1200 copie distribuite
dalla Medusa. E qui critici e addetti hai lavori
si sono sbizzarriti. Addirittura qualcuno paragonandolo
ad Alberto Sordi (Valeria Arena su melty.it)
Zalone mette in scena una serie di gag che vanno
a punzecchiare una serie di "esagerazioni"
tipicamente italiane, ma la qualità generale
non si discosta dai vari Neri Parenti o Vanzina.
Il film fà ridere e questa, è una qualità e da
sempre il pubblico ha voglia e "bisogno" di ridere ?
Buon Checco.

3 Stelle

Captain Phillips - Attacco in mare aperto


di Paul Greengrass 2013

Tratto da una storia vera. Un gruppo di pirati 
attacca una porta container americano, vicino alle
coste della Somalia. Il comandante 
riesce a fare abbandonare la nave facendosi prendere
come ostaggio...Il regista e il montatore della
trilogia di Bourne mettono assieme il loro colpo 
migliore. Tengono una suspence che non cede mai, 
coadiuvati da due attori splendidi. Cinema di alta 
fattura, con i primi venti minuti e gli ultimi quindici da urlo.

5 Stelle

Quinto Potere - Bill Condon 2013




Nel 2006 WikiLeaks, pubblica dei documenti
riservati che provava un complotto per assassinare 
i membri del governo somalo. E' l'inizio di una serie
di segreti resi pubblici che ha scosso molti governi 
in tutto il mondo, Stati Uniti in primis. La rete
è il quinto potere, le informazioni e chi le gestisce ?
L'impianto del film è la classica inchiesta giornalista
dal di dentro, ma si fà fatica a seguire.
Salti temporali e interruzioni narrative non
aiutano a seguire le vicende e pian piano si 
avvitano su se stesse. Nel finale regista e 
sceneggiatore lasciano allo spettatore la
capacità di trovare significato e giudizio

2 Stelle

Appuntamenti per Appassionati


Trieste Science+Fiction
Festival della Fantascienza
30 Ottobre - 3 Novembre 2013








Torino Film Festival
22 - 30 Novembre 2013


The Bling Ring - Sofia Coppola 2013


Un gruppo di liceali si intrufola nelle case
dei divi a Hollywood per rubare soldi,
gioielli e vestiti. Pian piano commettono
errori che porteranno ad essere individuati...
Siamo in una Los Angeles dei nostri giorni,
in un liceo come tanti, fra gli studenti imperativo è:
emergere, non conta come, ma emergere. Emulare
negli atteggiamenti e nel vissuto tutto ciò che viene visto in TV, al cinema e sui rotocalchi, sentirsi divi e personaggi famosi. Vestiti, gioielli, soldi. Procurarseli derubando le
case delle star sembra la cosa più ovvia, in più, divertendosi. Per sentirsi parte del sistema immaginario e immaginifico ormai soverchiante e che non lascia via di scampo. Lo stile scelto dalla Coppola di raccontarci la storia dal di dentro, dà la sensazione che il gruppo stia facendo semplicemente una bravata e che alla fine sarà punito con poca cosa. E proprio qui sta il (parziale) pregio del film, nel rappresentare che quando si è dentro una situazione divertente e leggera senza riferimenti solidi con la realtà, tutto sembra possibile.

                                                            3 Stelle

Psycho - Hitchcock contro Van Sant



Mi sono preso la briga di confrontare i due film:
Psycho di Alfred Hitchcock 1960 - 5 Stelle
Psycho di Gus Van Sant  1998 - 1 Stella

Un remake di Psycho come è perchè.
Prendere la sceneggiatura originale, la musica,
inquadratura per inquadratura e rifare il film: a quale scopo ?
Visto il risultato, meramente commerciale per fare cassetta.
Alla visione la differenza primaria che salta all'occhio e la pulizia
interpretativa degli attori e lo spessore. Van Sant sembra
abbia girato il film in due settimane, come una sorta di
allenamento fra un film e l'altro. Addirittura sembra fatto
su commissione, tanto è la svogliatezza e la superficialità con
cui dirige gli attori. Non vi è paragone con la precisione
e l'intensità degli interpreti del film di Hitchcock.
John Gavin, Janet Leigh , Anthony Perkins, Vera Miles sembrano
extraterrestri in confronto a Vince Vaughn, Anne Heche,
Viggo Mortensen, Julianne Moore. L'altra differenza è la 
gestione della fotografia, della luce. Nel film di Alfred è
calibrata, studiata come in tutti i suoi film per rendere al massimo
la suspence; Van Sant sembra che gli interessi solo illuminare
per vedere, tralasciando una più accuratezza (fretta ?)
Inoltre si è preso alcune piccole libertà
sullo sviluppo della storia, assolutamente ininfluenti. 
Insomma un'operazione discutibile da uno dei registi
più interessanti di Hollywood.

The Grandmaster - Wong Kar Wai 2012



Il Kung-Fu come filosofia di vita, le regole,
i precetti, la disciplina. Questa la storia,
attraverso le vicende politiche della Cina
dal 1938 agli anni sessanta. Una manciata
di attori famosi, bravi e un grande regista.
Un film intimo, i combattimenti non sono
mai plateali, spettacolari, ma sono sviluppati
quasi su un corpo a corpo. La macchina da
presa indugia sui volti, sugli sguardi, privilegiando
le resa cromatica, sorretta da una fotografia
sontuosa e densa di pathos. Immagini ricercate
splendide come ci ha abituato il regista.
Il tutto porta a un risultato ambiguo, si vede,
si sente l'intenzione di dare un'idea di arti
marziali aldilà degli stereotipi fin qui visti,
ma si ha la sensazione che appartenga al
filone di "La Tigre e il Dragone" o "La
Foresta dei Pugnali Volanti" pur mantenendo
una certa magniloquenza.

3 Stelle

Cinema Muto e Documentari sui diritti Civili

Questo weekend è denso di iniziative per gli amanti del Cinema:
Pordenone Festival del Cinema Muto
dal 5 al 12 Ottobre Link 

Ferrara Festival della rivista "L'Internazionale" con una serie di documentari sui diritto umani e civili dal 4 al 6 Ottobre Link

Sacro GRA - Gianfranco Rosi 2013


Il cinema è immagini in movimento e il film di Rosi
è proprio questo. Una serie di immagini intense ed
evocative sul GRA e sulla periferia di Roma. Le sei
storie dei personaggi sono una scusa e uno stratagemma
per le immagini del film. Le suddette storie non hanno
nessun legame con l'anello e potrebbero svolgersi
ovunque. Da duecento ore di girato estrae
novantatre minuti che costituiscono il film. Se avesse
preso un "vero" direttore della fotografia il risultato
sarebbe stato più efficace e godibile.
Ci aveva abituato bene con "Below Sea Level" e
"El Sicario" ma il suo debutto ad interessarsi a luoghi
italiani resta incompiuto e labile. Se volete vedere
docu-film girati in Italia e che parlano di luoghi
italiani vi rimando a "Il Passaggio della Linea" di
Pietro Marcello 2007 o "I Panni Sporchi" di Giuseppe
Bertolucci 1980. Sacro GRA ha vinto il Leone
d'Oro a Venezia '70 ?

2 Stelle

In Trance - Danny Boyle 2013


Simon è il complice di una banda che ruba
opere d'arte, quando per colpa di un trauma
alla testa dimentica dove ha messo un quadro
da milioni di sterline i complici assoldano
un'esperta di ipnosi...Danny Boyle ci porta 
dentro una serie di ellissi temporali, realtà 
dentro realtà. Piani reali dentro piani immaginari 
e viceversa. La trance ipnotica non riguarda solo 
i protagonisti, ma probabilmente il regista vuole
portare anche la cognizione del visibile e
della narrazione dello spettatore in questo
universo ipnotico. Il film si dispiega con un
montaggio frenetico ed efficiente sorretto da
una sceneggiatura minuziosa al limite della
maniacalità, che però nuoce al senso interpretativo.

2 Stelle

Via Castellana Bandiera - Emma Dante 2013


Un'auto si perde per le viuzze di Palermo.
Due auto, una di fronte all'altra, non c'è spazio
se una delle due non fa retromarcia, qui comincia
la sfida per lasciare il passo, cruda e spietata,
fatta di attese, sguardi, dispetti e assurdità.
Emma Dante racconta una storia siciliana,
piena di rimandi a tutte le contraddizioni, caparbietà
e idiosincrasie del popolo siciliano e lo racconta
con splendida lucidità. Il realismo di stile
ci conduce dentro ad una farsa che ci ammutolisce.
Diretto ed interpretato bene, premiato con
la coppa Volpi a Venezia '70 a Elena Cotta.

3 Stelle

Elysium - Neil Blomkamp 2013


Dopo l'interessante "District 9", Blomkamp
riparte dalla stessa ambientazione. Un mondo
devastato da inquinamento, degradazione e
sovraffollamento. Il film parte più o meno con
le stesse immagini, periferie di città, bidonville
viste attraverso una lente appannata per accentuare
il senso di malsano, inquinato. I ricchi del pianeta
si sono costruiti una stazione spaziale dove vivere
e per tutto il resto del pianeta resta un sogno.
L'eroe sacrifica se stesso per fondare un
nuovo ordine mondiale in cui l'uguaglianza
sia il valore primario. Un sogno dentro al
sogno in perfetto stile american-dream
Uno sci-fi canonico come tanti, prodotti da
Hollywood, godibile e incalzante.

 2 Stelle

Le Streghe di Salem - Rob Zombie 2012


A Salem nel 1692 un gruppo di donne viene
condannato al rogo per stregoneria e da
lì nasce la maledizione che coinvolgerà...
L'Horror non è il mio genere ma qui c'è
qualcosa di piu. Rob Zombie reduce da una
serie di pellicole "trash e spazzatura" come
le definiscono i suoi detrattori, mette insieme
una serie di citazioni (Rosenary's Baby) e una
serie di idee brillanti da cui riesce a creare
suspence ben oltre i film di serie B. Un film
ipnotico, con inquietudine e allucinazioni,
che si inoltra nella paranoia senza sbavature.
Aldilà dei canoni del film di genere, dimostra
di possedere i mezzi per girare con maturità
e rivela ambizioni di autore. Uscito il 24-04-2013

3 Stelle

L'Intrepido - Gianni Amelio 2013


Antonio Albanese dopo il passo falso di Tutto, 
Tutto..Niente, Niente ritrova il piacere di stare davanti 
alla macchina da presa, ma non basta. Un uomo,
un padre, trascina la sua vita inventandosi un lavoro,
"il sostituto" di altri e fra una mansione e l'altra tenta
di avere un rapporto soddisfacente con suo figlio.
Un film sulla crisi, sulla precarietà dei nostri giorni.
In apparenza, Antonio Pane nella scelta costretta
ci stà bene e cerca di trovare un senso suo malgrado.
Amelio decide di dare un taglio "ipotetico" alla
narrazione e alle vicende del protagonista ma
scivola sul sentimentale, sul martire retorico che
conduce ad alti e bassi narrativi. La fotografia di
Bigazzi dà un segno vitale e energico, ma l'unica
cosa degna di nota viene dispiegata nel finale,

2 Stelle


Sacro GRA passando da Below Sea Level

Gianfranco Rosi ha vinto il Leone d'Oro a Venezia '70 con Sacro Gra, con l'occasione, aspettando che esca in sala, voglio parlarvi del suo 
precedente docu-film, Below Sea Level (Sotto il livello del mare). Com'è tradizione ormai, Rosi si è trasferito in Arizona all'interno di una comunità di diseredati per tre anni, e lì una volta guadagnato 
la loro fiducia ha ripreso le storie di questo gruppo di "outsider". Niente acqua, niente luce, niente case, chiese o polizia. In una zona abbandonata dall'esercito statunitense, desolatae senza nulla, solo sabbia, arbusti, caldo e solitudine, vivono
dentro auto, roulotte, tende o casette fatiscenti. Il
regista ha vissuto con loro, mangiato con loro e con lenta pazienza
è riuscito ad entrare nelle loro vicende con la macchina da 
presa ed a documentare ciò che li ha portati lì, a vivere al limite
della sopravvivenza. Inutile dire che rasentiamo il capolavoro.
Ciò che il cinema riesce a fare e che tante volte (troppe) manca
il  bersaglio. Forse con il successo di quest'ultimo film sarà
ristampato, me lo auguro.

5 Stelle

Visti a Venezia '70 - The Armstrong Lie


di Alex Gibney   2013

Il già premio oscar Gibney colpisce ancora
e ci presenta un documentario sulla bugia di Lance Armstrong
efficace ed avvincente. La macchina da presa
si insinua là, dove nessuno finora era riuscito perchè
come ammette Armstrong "quando arrivano quelli con
distintivo e pistola, non puoi più tacere" e ci consegna
un uomo disposto a tutto pur di primeggiare e purtroppo
come ci dice il regista, "barare paga" essendo Armstrong
tuttora titolare di almeno 125 milioni di dollari. Il film scorre
tra interviste e pezzi di repertorio delle vittorie di Lance, ma
il montaggio stacca e unisce attraverso una dialettica filmica
che intercede su come la vicenda si sia amalgamata a tutto
quello che girava attorno all'escalation del ciclista.

4 Stelle

Nella Casa - Francois Ozon 2012


Un professore di liceo fa leggere a sua moglie il
compito in classe di un suo studente, che si rivela
essere a puntate. I due si fanno ammaliare dalla
scrittura e ne verranno travolti...
Il cuore del film è la soggettiva dello scrittore, Ozon
sceglie di far guidare la narrazione filmica proprio
dal testo scritto che i protagonisti leggono. Il film,
è la storia del compito scritto a puntate e il compito
crea il film. La storia dentro il cinema e il cinema
dentro la storia. La coppia Lucchini-Scott Thomas
sembra saltata fuori da un film di Woody Allen e il
giovane Ernst Umhauer ha un che di diabolico.
Alla fine il regista ci lancia il suo messaggio forte
e chiaro. Le storie, in qualsiasi posto ce le raccontino,
cinema, libri o teatro ti possono cambiare la vita.
"Una vita senza storie non vale niente"

4 stelle

Solo Dio Perdona - Nicolas Winding Refn 2013



Di sicuro chi si aspettava o sperava un seguito di Drive, almeno nello stile
è restato deluso e non poco. Refn questa volta fà quasi tutto da solo.
Soggetto, sceneggiatura, regia e ci porta dentro un manga, in perfetto stile
da fumetto. Inquadrature e montaggio come in una strisca, che scena dopo
scena ti racconta la storia. Niente carrellate, niente piani sequenza, dialoghi
essenziali ha sottolineare ciò che serve. La fotografia tirata alla saturazione dei
colori in immagini splendide utili al progredire della narrazione. La storia assomiglia 
ad un western,  ma ha differenza dei western l'eroe è un eroe nero che combatte per 
sottrazione, corrotto anche lui e perso per sempre. Non c'è redenzione ma il tentativo 
di contenere i danni suo malgrado, consapevole di essere corrotto senza salvezza. 
Nei titoli di coda il regista ringrazia Jodorowsky e come i suoi film siano stati fonte di 
ispirazione nel suo lavoro, si sà, ognuno a i propri fantasmi da coltivare e di sicuro
Refn non nè è privo. Detto questo la rarefazione degli accadimenti e dello
svilupparsi della storia, costringe lo spettatore ad immaginare, in una sorta di
limbo catartico che lo porta dentro al mondo all'intercedere simbolico delle
immagini. Storia cruda e malata come  quasi tutte le storie che ci ha raccontato
il danese, emozioni e sangue senza indugi. Kristin Scott Thomas icona maledetta,
superlativa.

4 stelle

Spring Breakers - Harmony Korine 2012


Qualche tempo fa andando in ufficio un mio conoscente
mi racconto una scena a cui aveva assistito la sera prima vicino
ad un bar. "Stavo aspettando mio figlio che tornava dalla piscina
e senza volerlo ascoltai la conversazione di tre ragazze sui 18-19 anni che
chiaccheravano lì vicino." "Ciao troia, che fai ?" "Non lo vedi troia, stò
scrivendo sul telefono...."

Cambio scena 

Mi trovo dentro ad un cinema e sullo schermo sta scorrendo
Spring Breakers e i dialoghi sono gli stessi. Korine a fatto centro.
Uno degli ultimi registi sperimentali mette insieme un sacco di generi,
dalla pubblicità, l'inizio sembra una reclam di qualche compagnia telefonica
o di un gelato, al videoclip, tutta la sequenza dopo l'incipit,  al thriller poliziesco,
fino al western finale. Un film dentro il film, le protagoniste aspirano
a divertirsi, ma tutto è ispirato da cose viste come nei film o nei videogiochi.
Il modello a cui fare fede viene da immagini viste e riviste nei più
disparati luoghi soverchianti e totalitarie e le immagini diventano 
l'immaginazione stessa. Persa la capacità di creare senso, diventa 
sostitutivo affidarsi ad esse. Pochi riescono a fare tali film-dispositivo.

5 stelle


Speciale Bobbio Film Festival 2013



E la chiamano Estate                         Paolo Franchi  2012

Dopo l'incipit il film si apre con la
visione di un appartamento bianco,
tutto e bianco, mobili, pareti, pavimento.
Il bianco come colore della morte che
si consuma. Una coppia abita questo
appartamento, ma non è una coppia normale.
Lui fa del sesso con tutti fuorchè con la sua
compagna. Una regia lucida, senza fronzoli.
Dialoghi e inquadrature essenziali. Franchi
ci dà la sua versione di abbandono.

3 stelle

Speciale Bobbio Film Festival 2013



E' stato il figlio                       Daniele Ciprì  2011



Ciprì adotta come sempre il grottesco
per girare questo adattamento dell'omonimo
romanzo. Ma è solo un'apparenza, in realtà
famiglie come questa esistono davvero sparse
in tutta Italia. E' nel finale che rivela le sue
origini del sud. Parodia del fulcro della società
malata del meridione, il sacrificio deliberato per
il denaro. Grande fotografia e interpreti.
Un regista che ci darà soddisfazioni.

4 stelle

Speciale Bobbio Film Festival 2013



Bellas Mariposas                              Salavatore Mereu  2012


Il cinema è immagine e altro, ma qui
le immagini escono dallo schermo e ci
invadono, penetrano e ci portano dentro
le vicende di Cate e Luna due ragazzine
nella periferia di Cagliari circondate dal
degrado di molte periferie italiane e da
adulti inesistenti. Tutta la forza del cinema
e di ciò che riesce ad essere, quando la
macchina da presa è come un'altra amica
che agisce con loro. Mereu che deve fare
l'insegnante per mantenersi ci regala una
storia liberante.

5 stelle

Speciale Bobbio Film Festival 2013



Salvo                      Fabio Grassadonia & Antonio Piazza  2013


Un killer della mafia si ripara dentro una casa dopo
aver portato a termine il suo lavoro di morte,
vi trova una giovane donna cieca e l'incontro
sarà fatale...Noir coi fiocchi con citazioni al
western, il film ci porta dentro la percezione di
Rita del mondo che la circonda con esperienze
sonore e visive non comuni. Diretto ed interpretato
con perizia maniacale ci mostra cosa riesca
a fare il cinema e ciò che dovrebbe essere.
I due protagonisti a dire poco straordinari.
Grande film made in Italy. Gran Prix
Revelation France 4. Semaine de la Critique
al 52 festival di Cannes 2013

5 stelle

Speciale Bobbio Film Festival 2013




Colpi di Fulmine                    Neri Parenti  2012

Parlare di un film di Neri Parenti non
è facile, partendo dal fatto che è il
regista che ha fatto il più alto numero
di spettatori in Italia da sempre.
L'indiscusso principe dei cinepanettoni
ha messo insieme una pellicola in
due tempi. Uno con De Sica e 'altro con
Lillo e Greg. Tralasciamo il primo che
non si discosta dalle solite trame
nazional-popolare, il secondo è una gradita
sorpresa, ispirato e scritto bene, divertente
e mai banale, surreale ma al punto
giusto. La collaborazione Parenti-Lillo e Greg
crea un binomio nuovo pieno di aria fresca.
Attendiamo conferme.

1 stella

Speciale Bobbio Film Festival 2013




La bella addormentata     Marco Bellocchio  2012

Febbraio 2009 Luana Englaro muore
dopo 17 anni di coma e dopo una
battaglia estenuante da parte del padre.
Bellocchio non narra direttamente la
vicenda ma mette insieme quattro storie
che si intersecano con sottofondo la
storia di Luana. Nessuna presa di
posizione, nessun giudizio. Solo
un viaggio dentro quattro umanità
a loro modo straziate dalla vita e
alla ricerca di una speranza.
Un pugno di attori diretti benissimo
con in testa Maja Sansa fanno di
questo film intenso un'altra perla
aggiunta alla carriera di Bellocchio.

5 stelle

Speciale Bobbio Film Festival 2013




Miele     Valeria Golino  2013

Parlare di eutanasia non è facile
specie in Italia, la Golino, al suo
esordio dietro la macchina da presa,
riesce a mantenere la giusta distanza e
distacco. Miele aiuta a morire, dietro
compenso, con sistemi illegali dei malati
terminali, ma quando la richiesta viene
da qualcuno che vuole suicidarsi, và in crisi
ed inizia un percorso di redenzione.
Scritto e girato bene, ha anche il merito
di presentarci una Jasmine Trinca con una
sfumatura androgina veramente in palla e
convincente. Un esordio degnissimo per la Golino.

4 stelle

Stoker




Stoker                 Park Chan.wook  2013

Lasciatosi alle spalle la graffiante e abbrasiva
iconoclastia della trilogia della vendetta. Park
sbarca ad Hollywood con un thriller più pacato,
ma non meno irriverente. Un buon cast, con in
testa Mia Wasikowska perfettamente a suo agio
e sempre più brava, memorabile la scena del duetto al piano.
Per amanti di Park Chan-wook e a chi piacciono i gusti forti.

4 stelle

Holy Motors






Holy Motors                          Lèos Carax  2012

Da Cannes 2012 dove è stato
snobbato dalla giuria, arriva nelle
nostre sale l'ultimo lavoro del regista
de "Gli amanti di Pont-Neuf". Un uomo
viaggia per Parigi dentro una limousine ed
interpreta dei personaggi con dei copioni
prestabiliti ....
Carax filma una serie di installazioni. La macchina
da presa come testimone di eventi in divenire.
La messa in atto di gesti che danno il senso ad essi.
Quasi un film-installazione che non fornisce un senso
al mondo, ma lascia allo spettatore trovarlo.

5 stelle

No. I giorni dell'Arcobaleno - Pablo Lorrain 2012

Nel 1988 in Cile si svolse il referendum
prò o contro Pinochet. All'interno della
stessa agenzia pubblicitaria c'è chi lavora
per il si e chi per il no. Cronaca dei ventisette
giorni che hanno preceduto la vittoria del no.
Un film-documentario, se volete
vedere un piccolo capolavoro vedetevi
Tony Manero che resta la miglior cosa di Lorrain.

3 stelle

La Grande Bellezza - Paolo Sorrentino 2012


Jap passa le giornate tra feste e pensieri,
immerso in una Roma intima e spettacolare,
circondato da un'umanità lacerata e pusillanime.
Il film si sviluppa su tre registri: quello immaginifico 
di Jep, quello della farsa e quello comico. Nessuna
certezza, se non quella di essere vivi e di continuare
ad esserlo. La pellicola viaggia come un treno
fino a tre-quarti, poi si avvita su se stessa calando
di intensità proprio nel momento di affrontare
la relazione con il "religioso" e i personaggi
messi in scena. Vi è come una specie di pudore
che sfocia nell'incompiuto.


4 stelle

La Migliore Offerta







La Migliore Offerta                         Giuseppe Tornatore  2012

Anche i migliori fanno passi falsi, però
sarebbe il secondo dopo Baaria.
Una storia melensa, recitata al limite,
con dei luoghi comuni e imperfezioni.
Tutto poggia sulle spalle di Geoffrey Rush,
che sarà anche bravo, ma non può riempire
dei vuoti di soggetto e sceneggiatura. Da evitare
con cura. Ironia della sorte, Premio David di
Donatello 2013.

Gli Amanti Passeggeri





Gli Amanti Passeggeri               Pedro Almodovar  2013

Un aereo parte da Madrid, diretto in
Messico ma il carrello non si chiude.
A bordo finché si attende di atterrare,
si tiene a bada la paura con metodi "alternativi".
Commedia alla Almodovar, senza guizzi
o idee brillanti come ci ha abituati Pedro,
in passato. Senza lode o infamia.

2 stelle         

Il Lato Positivo





Il Lato Positivo                              David O. Russel   2012

A Jennifer Lawrence sono spariti gli zigomi e
sembra un robot. Detto questo buona 
l'interpretazione per la quale ha ricevuto un 
Oscar 2013. Commedia leggera e surreale che narra 
una storia d'amore fra due borderline.
Robert De Niro sempre uguale a se stesso.

3 stelle

Educazione Siberiana





Educazione Siberiana                       Gabriele Salvatores   2013

Il primo action-movie di Salvatores. Il primo tempo
ha un buon ritmo, nel secondo c'è un leggero
calo. Fotografato benissimo e diretto bene,
non è un capolavoro ma è ben confezionato.
Sappiamo tutti che John Malkovich è un grande
attore ma, quando ce lo farà vedere ?

4 stelle

The Sessions - Gli Incontri






The Sessions - Gli Incontri              Ben Lewin   2012


Mark è poliomelitico, costretto a vivere
in un polmone d'acciaio. Il sesso irrompe
nella sua vita, come affrontare questo tema ?
Quattro attori stellari, in primis William H. Macy 
nei panni di un prete inusuale ed Helen Hunt, 
nei panni della "terapista" per una commedia 
ironica, delicata, amancipata.

5 stelle

Promised Land





Promised Land                             Gus Van Sant    2012

Provincia americana, due venditori
cercano di acquistare i diritti per
sfruttare il gas naturale nel sottosuolo,
ma qualcosa và storto...
Una sceneggiatura annacquata ed ha
tratti melensa. Dal regista di Milk e 
L'Amore che resta, mi aspettavo qualcosa 
di più. Anche i migliori a volte sbandano.

2 stelle