Gone Girl/L'Amore Bugiardo - David Fincher 2014

Nick e Amy sono due giovani brillanti che 
sognano una vita e un'amore. Quando
si trasferiscono da New York al Missouri, 
tutto precipita. Problemi economici
e di intenti portano al degradamento umano 
di una vita di coppia…Gone Girl
è un film potente e complesso, gioca su 
diversi piani filmici. Se da una parte
è un'esagerazione delle difficoltà della 
vita matrimoniale, dall'altra spinge
su quello che è la civiltà dell'immagine 
e il conseguimento delle proprie
aspirazioni per perseguire la propria
idea di felicità. Fincher ormai è diventato 
maestro nel mettere in scena le contraddizioni 
e la complessità del nostro vivere contemporaneo,
(ricordiamo il recente House of Cards)
coadiuvato dallo sceneggiatore Gillian Flynn
diventa taumaturgo di cio che non ammettiamo 
o nascondiamo. Rosamunde Pike da urlo.


4 Stelle

torneranno i prati - Ermanno Olmi 2014

Un gruppo di soldati, di notte, in una trincea 
sull'altopiano di Asiago, durante la prima 
guerra mondiale…Olmi lavora per sottrazione, 
fa vedere solo quello che serve, per portarci 
dentro ha quello che possono aver vissuto degli 
esseri umani relegati alla guerra di trincea. 
La denuncia è spietata, precisa e lapidaria. 
Vi sono echi di Mario Rigoni Stern e cinema 
passato di Olmi, per ottanta minuti di immagini 
che infondono rispetto, quasi una liturgia sacra 
alla memoria. "la guerra è una brutta bestia che 
gira il mondo e non si ferma mai"


4 Stelle

I migliori del 2014

A meno che in questi giorni non esca qualche capolavoro, per me questa è la lista dei "the best 2014"



    Alessandro Rossetto
    J.P & Luc Dardenne
3-Lei
    Spike Jonze
    Wim Wenders
    Jean-Marc Vallèe
    Ari Folman
    Jonathan Glazer
    Steven Knight
9-Ida
    Pawel Pawlikowski
    Francesco Nunzi
Menzione speciale:
All is Lost di J.C. Chandor,
Nebraska di Alexander Payne e
American Hustle di David O.Russel

Lo Sciacallo / Nightcrawler - Dan Gilroy 2014

Lou Bloom è un ladruncolo che sbarca il lunario
rubando quà e là materiale edile. Ma ha un sogno,
diventare un imprenditore. L'occasione gli viene
incontro quando osserva un videoreporter girare delle
immagini su un evento di cronaca. Comincerà
a girare videocronache lui stesso per venderle alle TV
locali…Dan Gilroy alla sua prima regia si smarca
e mette insieme un film lodevole, con echi di Hitchcock,
e ambientazioni di Refn da Drive, con un Jake Gyllenhaal
diabolico quasi da Oscar. Un'escursus dentro il mondo
dei manager televisivi, disposti a tutto pur di fare audience.


3 Stelle

Father and Son - Hirokazu Kore-Eda 2013

Due famiglie di diverso ceto sociale scoprono
che alla nascita dei loro figli c'è stato uno 
scambio di neonati in ospedale. Ne consegue 
la drammatica ricerca della decisione più giusta…
Father and Son porta in primo piano una questione 
vecchia come il mondo: é il sangue che conta, o 
chi accudisce nel tempo a determinare la paternità ? 
Oltre a questa domanda, non c'è altro. Patinato, 
lento a tratti noioso e superficiale, alla fine si occupa
più della crisi esistenziale di uno dei due padri, che
dell'enorme tragedia che non riescono ad affrontare. 
Premio della Giuria a Cannes 2013


1 Stella

Due giorni, una notte - Jean Pierre e Luc Dardenne 2014

Sandra sta per perdere il lavoro. 
Ai suoi compagni di azienda
è stata imposta una scelta, licenziare 
Sandra o prendere un bonus. In due
giorni e una notte lei e suo marito 
cercheranno di convincere
i compagni a non farle perdere il lavoro…
Due giorni, una notte è un film enorme
per profondità dei temi trattati, 
per interpretazione e per lucidità. Dopo 
quaranta minuti di film il proseguo e il finale 
è ininfluente, perché tutto è già mostrato, 
immaginato, dispiegato. Una denuncia
spietata e lucidissima sulle società europea 
tutta. La guerra fra poveri indotta e l'inadeguatezza 
totale del sistema capitalistico in atto. Marion
Cottilard dimostra di essere grande come la sua 
fama e i fratelli Dardenne degni registi del proprio 
tempo, coerenti e inerenti.


5 Stelle

The Judge - David Dobkin 2014

Un avvocato di successo di New York deve tornare
nel suo paese natio, in Indiana, per il funerale di
sua madre. Troverà che il suo passato ha lasciato
un sacco di cose aperte…The Judge si basa su un
topic caro a tanto cinema e letteratura. Il ritorno alle proprie
origini e i conflitti parentali mai risolti. Il risultato è
un film gradevole che deve tutto alle interpretazioni di
R. Downey Jr,(che dopo una serie di "armature", torna ad un ruolo normale) Robert Duval e Vera Farmiga senza i
quali sarebbe a livello di una banale fiction-tv. Alcune
scene memorabili e una redenzione da manuale.


2 Stelle

Interstellar - Christofer Nolan 2014

                                                         In un futuro imprecisato, sulla terra 
le risorse alimentari sono a rischio.
A causa di una serie di fenomeni atmosferici, 
l'unica risorsa rimasta è il mais. Un gruppo 
della Nasa sta cercando di trovare altri pianeti
per trasferire tutta l'umanità…Interstellar è un 
film complesso nei modi di messa in scena. 
Se da una parte immagini e musiche ci 
portano dentro ad una realtà fantascientifica
spettacolare, i testi scivolano nel messianico e
a tratti new-age, che riporta alla mente Contact.
McConaughey (che non sbaglia un colpo) fa 
del suo meglio per creare un personaggio  
eroico e cupo in sintonia con l'ambientazione che ricorda 
2001 - Odissea nello Spazio, ma Nolan
non è Kubrick e non siamo negli anni sessanta. 
Un kolossal degno di questo nome di ben 
169 minuti.

4 Stelle



La Spia-A most Wanted Man Anton Corbijn 2014

Gunther Bachman è a capo di una 
sezione dei servizi segreti Tedeschi
che si occupa di anti-terrorismo. 
Indagando su un ceceno arrivato ad
Amburgo, si ritrovano in mezzo a qualcosa 
di più di una faccenda di prevenzione del 
terrorismo…Una classica spy-story come 
ne abbiamo già viste tante, scritta da John 
le Carre. Ma qui il valore aggiunto è proprio
Philip Seymour Hoffman, alla sua ultima 
interpretazione prima della dipartita. Riesce 
a dare al personaggio quella vena rude, 
determinata, geniale che potrebbe diventare 
un must con collegato un serial, se fosse 
ancora tra noi.


4 stelle

Il Sale della Terra - Wim Wenders/J. R. Salgado 2014

Le foto, la storia di Sebastiao Salgado 
filmate da Wenders e dal figlio di Salgado…
Il Sale della Terra è molto più dell'esposizione 
delle foto di Salgado, viste su grande schermo.
E' la storia di una vita straordinaria spesa a seguire 
ciò che l'anima dei grande fotografo gli imponeva. 
Risvegliare le coscienze attraverso l'arte delle immagini. 
Wenders da grande regista quale è, ha lasciato che 
tutto avvenisse, ha messo insieme le foto e la biografia 
dell'uomo che ha prodotto documenti indelebili. 
Un docu-film imperdibile per chi già conosce l'opera 
di Salgado e per chi ne ignora il lavoro.


6 Stelle

Le Meraviglie - Alice Rohrwacher 2014

Una famiglia vive nelle vicinanze del lago 
Trasimeno allevando api e ortaggi in genere...
Facendo parlare i suoi personaggi inspiegabilmente 
in tedesco, francese e l'italiano la Rohrwacher
mette insieme un quadro di famiglia alternativa, che 
vive dei prodotti della terra ai limiti della società. 
La scrittura del film è quasi inesistente, l'unica forza 
della pellicola sono le giovani interpreti
che si lasciano ritrarre come sono, vitali e inconsapevoli. 
Resta da scoprire come abbia fatto a ricevere il GRAND 
PRIX AL 67. FESTIVAL DI CANNES (2014) ???

2 Stelle

Tutto può Cambiare - John Carney 2014

Dan è un ex discografico che ormai vive di ricordi e alcool.
Una sera per caso ascolta Greta in un bar e vorrà a tutti i
costi fargli registrare un album…Carney riscrive il l'ottimo
precedente suo film Once, con un cast Hollywoodiano e
qualche novità registica. I protagonisti del film sono la
musica e New York come contorno, con un Mark Ruffalo
e Keira Knightley coppia che funziona alla grande.
Commedia a lieto fine che riscalda gli animi. Pessimo
il titolo italiano dall'originale Begin Again.


3 Stelle

Party Girl - Amachoukeli, Burger, Theis 2014

Angelique ormai sessantenne, fa 
l'entreneuse in un night-club. Tra i vari 
avventori c'è anche Michel, che se ne 
innamora e vuole sposarla…Un documentario 
girato come un film, un film girato come un 
documentario. Party Girl appartiene
a quel genere che entra nella realtà ancor 
più della realtà stessa, la ingrandisce, la rende 
visibile. Se la storia può risultare eccessivamente
sentimentale e viscerale nel modo di intendere la 
vita, la macchina da presa non ci lascia scampo. 
Ci porta dentro la vita di Angelique, nei lati più
accesi e contraddittori senza alcun giudizio morale. 
Tutto il film è appoggiato un po' troppo sulle spalle 
della Litzengurger, che alla lunga ne sente la fatica.

2 Stelle

La Trattativa - Sabina Guzzanti 2014

Messa in scena di quello che può essere successo 
sottobanco tra lo stato Italiano e la mafia dagli 
anni ottanta alla salita al potere di Berlusconi…
Sabina Guzzanti continua il suo impegno civile 
con questo lavoro di indagine con pezzi di video
di repertorio e ricostruzioni con attori di alcuni fatti, 
inserendo una buona dose di ironia surreale. La 
regista forza la mano sul registro della denuncia che 
dovrebbe portare alla condanna morale di tutte le 
istituzioni e i partecipanti di tale infamia. Il risultato
è un'operazione con dell'originalità che si lascia vedere, 
sebbene molti di noi siano a conoscenza di questi 
intrallazzi. Riuscirà la Guzzanti a risvegliare altre 
coscienze ?


3 Stelle

Anime Nere - Francesco Nunzi 2014

Tre fratelli divisi tra Milano e l'Aspromonte, 
uniti da legami di ndrangheta.
Cronaca di una ordinaria diatriba malavitosa 
che sfocerà nel sangue…Come in film già visti 
e più blasonati, la storia di una famiglia
all'interno della criminalità organizzata
e dei suoi valori al di sopra di tutto: l'unità, l'onore, la
vendetta. Nunzi impone agli attori una recitazione
sobria e schietta e si avvicina ad una resa di ambientazione
tra Gomorra di Garrone, Fratelli di Abel Ferrara e una 
normale fiction-TV, riuscendo a costruire una narrazione 
filmica personale e originale. Ciò che mi lascia 
perplesso è un'eccessiva lentezza del  montaggio che dilata,
la narrazzione. Colpo di scena finale al fulmicotone.

3 Stelle

Jimi: All Is by My Side - John Ridley 2013

1966 New York. La ragazza di Keith Richards 
vede un'esibizione in un locale di Jimi,
si innamora della sua musica (e non solo) 
e fa di tutto per trovargli un manager e un contratto...
Il film ci mostra la filosofia di Jimi, come intende 
la vita e la sua musica, aldilà della ricerca del 
successo e della fama. Ridley predilige mostrare 
Hendrix sopratutto attraverso i rapporti con le donne, 
interpretate magistralmente, di quel periodo 
(i dodici mesi di permanenza a Londra, prima di 
andare al Festival di Monterey che lo avrebbe consacrato) 
senza calcare la mano sull'uso di droghe, che più tardi 
lo avrebbe lacerato e portato alla morte. Una pellicola 
intima e corroborata da musiche splendide. Per fans
e non.


4 Stelle 

Under the Skin - Jonathan Glazer 2013

Un allieno scende sulla terra assumendo
sembianze di una giovane donna.
Lo scopo è catturare uomini; a poco a
poco però qualcosa si insinua
dentro di essa che la porterà a porsi degli
interrogativi…Allienante e allienato
il percorso narrativo non concede nulla
allo spettatore che si trova di
fronte a una messa in scena di sicuro
fascino ma disturbante. Scarlett
Johansson nei panni di una glaciale
cacciatrici di uomini ci ammalia
(e non solo con le sue nudità) e seduce,
ma, se la regia ci proietta
in un mondo fatto di immagini e
ambientazioni che ci ricordano
Kubrick, sorretto da musiche di
degno rispetto, lo sviluppo della
narrazione risulta lento e claustrofobicamente
indecifrabile. Un prodotto interessante,
e controverso che non ti molla. Per
cinefili esigenti.


3 Stelle

Mud - Jeff Nichols 2012

Ellis e Neckbone sono due adolescenti che vivono 
lungo uno dei molti corsi d'acqua dell' Arkansas.
Girovagando fra gli anfratti del fiume ritrovano 
su un'isola una barca trasportata dal Mississippi 
in una alluvione, decidono di ripararla ma si imbattono 
in un fuggitivo che si stà nascondendo
e decidono di aiutarlo…Sull'onda del premio Oscar 
a Matthew McConaughey viene distribuito questo 
film del 2012. Mud è una storia di menzogne che 
gli adulti dispiegano a piene mani nei confronti delle 
giovani generazioni, per salvaguardare la loro (e della vita) 
inadeguatezza. Un film solido, appassionante, denso di 
personaggi ben strutturati e delineati. Pervaso da temi 
classici della letteratura nordamericana: il riscatto, la 
vendetta, la giustizia fatta da se, l'amicizia e il sacrificio. 
Ben scritto e interpretato: bravissimi i due ragazzini
Tye Sheridan e Jacob Lofland che hanno oscurato 
McConaughey (ininfluente), fotografato da manuale 
per risaltare il maglifici luoghi dell'Arkansas. Dopo 
Shotgun Stories e Take Shelter, Nichols si rileva 
essere regista interessantissimo.


4 Stelle

Tracks: Attraverso il Deserto - John Curran 2013

Tratto dal best-seller scritto dalla stessa protagonista,
Robyn Davidson decide di attraversare il deserto Australiano
sola, accompagnata da tre cammelli e un cane. Si tratta di percorrere a piedi 3000 chilometri in zone selvagge e
inesplorate…Una specie di Into in the Wild dalla parte
femminile, solo che in Into… il protagonista sapeva
cosa stava cercando, "la felicità nella sua essenza",
in Tracks la ricerca è nel viaggio stesso senza un
preciso scopo, se non la ricerca di una identità non
riconosciuta dettata dalle regole sociali. Una splendida
Mia Wasikowska (leggermente infantile per il personaggio)
incarna la ricerca impalpabile della solitudine dentro una
realtà che non riconosce e che non sente sua.
Lei pensa di aver dei problemi con la gente e se ne allontana.
Ma poco a poco scoprirà che la solitudine reale ti annienta e
c'è bisogno di una solitudine tra gli altri. Girato bene in
maniera canonica da "bel film" con scenari mozzafiato
Australiani, non ti molla, matiene sempre un tensione
da film on the road, pieno di insidie e imprevisti fino al
lieto fine.

4 Stelle

Serie TV: Più in là del cinema

Da qualche anno assistiamo ad una proliferazione delle serie TV, specie statunitensi. Proviamo ad analizzare il fenomeno. Le serie tv godono di un maggiore fattore tempo, riesce a dilatare le storie forte della possibilità di maggiore palinsesto, rispetto al cinema. Ma il vantaggio maggiore è la capacità di trattare temi sociologici e sociali che il cinema sembra aver tralasciato. Pensiamo al viaggio dentro l'intimità sentimentale e parentale di Six Feet Under o la sciscerazione umana del rischiare il tutto per tutto prima della fine, e il conseguente scoprire talenti inconoscibili senza la dismissione delle convenzioni sociali di Breaking Bad. Oppure  il mettere in chiaro la totale amoralità dei politici pur di raggiungere i propri scopi di House of Cards. Senza dimenticare l'emancipazione controcorrente femminile di Sex and the City.


Ma questo sono solo alcuni esempi, forse i più eclatanti, ve ne sono molti altri. La possibilità di entrare nel tema con una lente di ingrandimento senza la spada di Damocle delle due ore canoniche di un film fa si che gli sceneggiatori, rubati a Hollywood, possano veramente darci un quadro a 360 gradi di come e sono i personaggi per ottenere il risultato di umanizzare e non di mitizzare i personaggi. E' un'operazione antropologica al servizio del soggetto che porta ad una maggiore comprensione da parte dello spettatore e quindi ad una qualità maggiore. La lettura sociologica messa in atto da HBO e soci fa un balzo in avanti rispetto alle serie tv dei decenni passati. Non più mitizzazione dei protagonisti facendo leva su un'esagerazione delle storie e sul mito dell'eroe, ma spettacolarizzando più le parti antieroiche e scavando nell'animo umano, valorizzando tutti gli aspetti. Sceneggiatori e produttori delle varie HBO, ABC, Netflix ecc…hanno capito che il pubblico e cambiato, si è smaliziato e forza la mano ad una visione che costringe ad una introspezione quasi taumaturgica. Il sogno Americano è finito fuori, non ci resta che guardare dentro di noi per vedere e mostrare come siamo fatti. Californication forse è uno degli esempi più esagerati: il protagonista riveste tutti il lati deprecabili della società Americana. Incoerente, irresponsabile, dipendente dal sesso e dall'alcol, bugiardo e manipolatore. Ma nonostante tutto riesce a farsi amare dalla sua famiglia. Mettere in scena l'eroe del sogno Americano non dà più risultati ed è anacronistico. Non resta che ammettere che l'umano ha bisogno di qualcosa di più della lieta e bella novella che l'establishment complice Hollywood ha perpretato per decenni. In Dr. House ritroviamo un antiaereo più moderato, ma pur sempre dipendente da droghe, cinico, misantropo ed insofferente. La capacità, la competenza e in fondo anche la solidarietà umana si può trovare anche dentro una sorta di peccatore alla Maria Maddalena. Il salto in avanti della propaganda coercitiva della società perbenista è palese ed è su tutti gli schermi domestici, scandalizzare e rompere schemi per una comprensione maggiore. 

Il crescente successo delle serie ha spostato
inevitabilmente una serie di talenti da 
Hollywood e la qualità ha fatto un balzo in 
avanti. Registi, direttori della fotografia, 
sceneggiatori, produttori di talento sono 
stati ingaggiati per il piccolo schermo e tutti e 
tutto ne ha giovato: pensiamo al pluripremiato 
Kevin Spacey che con Netflix ha dato vita al 
pregevole House of Cards ( la prima serie è 
andata in onda in primavera su Sky) o a 
Bordwailk  Empire di Steve Buscemi, o
alla prossima produzione di Spielberg,
tratta da un videogioco Halo.

Il cinema, e diciamo Hollywood, è più propenso a spingere la spettacolarizzazione delle immagini, dimenticando che fare cinema, e quindi arte è anche essere dentro la società che rappresenta e trattarne le tematiche più moderne e scottanti. Su questo fronte possiamo dichiarare che la TV ha sicuramente vinto, per il momento, la battaglia della "modernità" e della coerenza riguardo ai suoi stessi fruitori, gli spettatori. Ovviamente l'Italia è una realtà a parte, intrappolata in costrizioni socio-politiche e creative per essere leggeri, imbarazzanti.
Serie Tv che interessano i contenuti di questo articolo: The Sopranos, Dexter, Crash, Rome, Mad Man, In Treatment, Six Feet Under, Californication, Breaking Bad...

Chef - La Ricetta Perfetta Jon Fraveau 2014

Carl Casper è lo chef di un noto ristorante a Los Angeles,
quando un critico di cucina assaggia i suoi piatti, ne 
nasce una diatriba sul social network; Twitter che porterà
il cuoco a perdere il lavoro…Chef è una buona commedia,
simpatica e divertente con quasi tutti i personaggi che alla
fine, sono dei bravi ragazzi. Dopo aver diretto i primi
due Iron Man, Fraveau che è anche il protagonista si
diverte a mettere in scena una storia con il cibo, e vi
assicuro che vi verra l'aquilina in bocca. Piena di buoni
sentimenti e riscatto come nelle migliori delle favole,
con un cast niente male: Dustin Hoffman, Scarlett
Johansson, Robert Downey Jr. Per serate distese e
rassicuranti.

3 Stelle

Robin Williams, uno di noi

Ridere è contagioso, 
ed è la migliore medicina
Patch Adams
Robin Williams, un fratello maggiore che è entrato 
in seminario ma un anno prima di diventare prete se 
ne è scappato. Questa è l'immagine che ho di Robin 
da sempre. Un fratello maggiore pieno di entusiasmo 
e di saggezza indotta da qualche cosa di 
soprannaturale. Perché Robin aveva una luce dentro 
che veniva da qualche posto non conosciuto. 
E con questa luce ha illuminato molte interpretazioni 
(forse le più popolari degli ultimi vent'anni). Non 
solo un grande attore, ma quasi un taumaturgo, 
pensiamo a L'Attimo fuggente, Patch Adams, 
L'Uomo Bicentenario, passando a Will Hunting
Ha attraversato generazioni di uomini e donne illuminando 
certi posti bui dell'anima, e da qui il suo successo planetario 
di indiscusso uomo e attore dalla parte dell'umano che più 
umano non si può. Cinquantasei film in carriera di cui almeno cinque indimenticabili, un Oscar come miglior attore e milioni di persone che si sono commosse con le sue interpretazioni, ne fanno più di un'attore di Hollywood ma un'icona del sentire comune e del "cogliere l'attimo". Uno che è arrivato dalla gavetta, uno che ha fatto i night club e i cabaret per anni. Prima di approdare alla tv che lo ha lanciato, chi non ricorda Mork e Mindy. Insomma uno di noi e per noi. Cercare di interpretare la sua morte prematura è tentativo vano, perché, si sà, persone come lui che sono salite così in alto nell'olimpo delle stars mondiali sono esposte a energie, pressioni e tentazioni che a noi non è dato sapere. In antichità i Greci paragonavano gli attori ai medici ed addirittura che fossero dei santi, di sicuro il più vicino a questa definizione e Robin. Robin Williams è morto, viva Robin Williams.

L'attore, 63 anni, è stato trovato morto suicida nella sua casa di Tiburon in California, nella baia di San Francisco. Soffriva da tempo di depressione e alcolismo.

La Mia Classe - Daniele Gaglianone 2013

Un Maestro dà lezioni di italiano ad un gruppo 
di immigrati, ma deve fare i conti
con permessi di soggiorno e diversità etniche, 
assediato dalla propria incapacità
di far fronte alla situazione...
Gaglianone affonda il piede nell'acceleratore 
della sua coscienza politica di fare cinema.
Dopo i pregevoli I Nostri Anni, Nemmeno il Destino e
Ruggine. Mette in scena aiutato da Valerio Mastandrea 
dell'apocalisse morale che sono le leggi
che regolano l'immigrazione in Italia. La tristezza 
del personaggio di Mastandrea è pari
solo all'incapacità dello stesso di reggere la vacuità 
del suo ruolo, l'insegnante di italiano
ad un gruppo di immigrati. Un docu-film che rinuncia 
ad un procedere narrativo convenzionale,
e predilige un approccio empatico, umanizzante, 
palesemente di buon senso. Lo spettatore
in breve si sente partecipe e solidale con il gruppo, 
aldilà dello sviluppo narrativo. Dove finisce la finzione, 
al limite della diegesi, inizia la realtà e viceversa, senza fine di continuità. Già 
dall'incipit del film si vede che non c'è futuro, ne per gli 
studenti ne per l'insegnante. Perché se da una parte gli 
immigrati hanno la spada di Damocle del permesso di 
soggiorno, l'insegnante senza studenti che cosa é ?
Tutto lo sviluppo della narrazione ci riporta ai valori 
primari dell'esistere su questo pianeta,
dove in teoria non ci sono ne frontiere ne razze. Solo 
necessità di sopravvivere in maniera dignitosa. La Mia 
Classe, nel suo piccolo mette in risalto proprio questo. 
Esseri umani, delimitati da leggi e regole che non hanno 
niente a che fare con l'umano, con la solidarietà, con il diritto 
alla vita.


5 Stelle

Un insolito naufrago nell'inquieto mare d'Oriente - Sylvain Estibal 2011

Un pescatore palestinese si ritrova sulla barca
un maiale vietnamita, da qui le peripezie per
sbarazzarsene essendo proibita dalla
propria religione la carne di porco…
Non lasciatevi ingannare dal titolo chilometrico
alla Wertmuller, si tratta di una commedia leggera
e divertente con delle trovate niente male. Il regista 
uruguaiano mette in scena una storiella che è un 
grido di rabbia per ridare ossigeno a israeliani e 
palestinesi, mostrando l'assurdità della situazione 
in palestina. Un'angolazione umana e burlesca 
senza riguardi per nessuno. Un maiale al posto 
della colomba della pace.


4 Stelle

Allacciate le Cinture - Ferzan Ozpetek 2014

Elena e Fabio dopo anni di lavoro dipendente, realizzano 
il loro sogno: aprire un locale tutto loro. Tutto procede bene, 
ma al solito qualcosa và storto…
Allacciate le cinture, non si sa da dove si passa e dove 
si và, ma si parte…Ozpetek torna all'ambientazione a lui 
più congeniale, i rapporti di amicizia e amorosi, con una 
commedia amara, all'apparenza leggera, passando dalle 
Fate Ignoranti fino Saturno Contro. Una donna forte 
trascinatrice del gruppo che si lascia ammaliare 
dall'intollerabile irrazionalità del sentimento amoroso. 
L'assecondazione degli eventi trova senso solo 
nell'ineluttabilità degli stessi, così, in maniera naturale 
e irrevocabile. Il viaggio li vede spettatori, obbligati a 
sostenere il gioco, malgrado loro stessi. Non c'è scampo, 
mai. Il regista ci guida in una comunità a lui prediletta fatta 
di forti legami quasi indissolubili, nel quale provare a
disegnare la propria strada. La coscienza non è individuale
ma collettiva, le decisioni si prendono all'interno della
"tribù", che pare l'unica forma di salvezza. Soli si muore
molto prima della morte reale, e se anche dovesse succedere prematuramente il viaggio si è compiuto nei migliori dei modi.
Kasia Smutniak diretta bene sembra aver trovato nuova linfa.

3 Stelle



Il cinema oltre...

In attesa che l'estate finisca e ci consegni 
Kick Ass
la nuova stagione di film proviamo ad
analizzare tre pellicole del recente passato
che in qualche modo hanno segnato una
rottura:





Tre pellicole che come protagonisti hanno adolescenti o teen-ager. Tre pellicole diverse tra di loro ma animano un sostanziale pensiero.
Registi e produttori aldilà dell'oceano sono impazziti ? O il sacro spirito
del genio si è imposessato di loro. Vediamo di fare chiarezza.
Reduci da film come le saghe di Harry Potter e La compagnia dell'Anello,
qui si fa un sobbalzo sulla sedia. Tette, sangue, crudelta, violenze
psicologiche senza indugi. Tutto cio che per anni era retaggio dei film
per giovani ora si è spostato verso il basso. Eroi ed eroine sempre più
giovanissimi, emancipati, liberi. In tutti e tre fanno a gara a chi misceli più
generi, tutto è riciclato gia visto, preso a prestito, adirittura con le musiche
di Ennio Morricone (nel finale di Kick Ass). Il motore della spettacolarità
spinto al massimo, lo spettacolo per lo spettacolo indefesso.

La componente sensuale nel film di Korine (Spring Breakers) è pari alla crudelta
di Hunger Games ed alla sanguinaria protagonista di Kick Ass.
Come nuovo diktat le immagini forgiate sanno di visto e rivisto
su più piattaforme del'immaginario visivo. Uma Turman di Kill Bll
è diventata giovanissima (Kick Ass), le femmine di Russ Meyer divenute
della porta accanto sbarbine (Spring Breakers) e Milla Jovovich 
di Ultraviolet eroina divenuta anch'essa in erba (Hunger Games). 

Spring Breakers
Ma mentre Spring Breakers si può vantare di una ricerca accurata delle
immagini e del'immaginario, Kick Ass sposta solo l'età degli eroi
verso il basso riducendone l'indulgenza emotiva. Nel caso di Hunger Games la commistione dell'immaginato corrente si sposta sulla tv in un reality dirompente e apocalittico.

Non esiste limite alla progressione narrativa, ma la produzione di
materiale visivo non apporta novità o originalità se non di spostare
l'utenza fruitrice a componenti esenti in passato, o perlomeno più
salvaguardato. La Walt Disney sembra stia brancolando nel buio in preda
a crisi esistenziale.

l cinema che ricicla se stesso cambiandone le sembianze
cercando utenti "nuovi"...resisteranno i nostri eroi ?
Hunger Games


Ida - Pawel Pawlikowski 2013

Polonia, 1962. La 18enne Anna, un orfana 
cresciuta in convento, ha deciso di farsi suora. 
Tuttavia, poco prima di prendere i voti, scopre 
di avere una zia ancora in vita, Wanda, la sorella 
di sua madre. Insieme a lei la ragazza affronterà 
un viaggio alla scoperta del proprio passato: 
scopre, infatti, di avere origine ebraiche e che 
il suo vero nome è Ida…La qualità del film è la 
splendida fotografia in bianco e nero in proporzioni 
di film d'altri tempi, quadrato (1:1.33) che da sola
vale la visione. Una storia ambientata in uno dei
regimi grigi e vacui del dopoguerra. Due donne
che non si conoscono, ma si rispettano in cerca
di un senso dilatato e irraggiungibile. Il regista
ci regala una messa in scena pulita, chiara per
tempi e inquadrature quasi ad indicare una via
più semplice ma al tempo stesso sofisticatissima.      

5 Stelle
Paperblog

We are the Best - Lucas Moodysson 2013

Stoccolma 1982. Bobo, Klara e Hedvig sono tre ragazze
di 13 anni costrette a prendersi cura di se stesse da sole
troppo presto. Coraggiose e toste quanto confuse e fragili,
le tre amiche decidono di mettere su un gruppo punk,
anche se tutti dicono che il punk è morto…Gentile
commedia a tratti divertente sulle vicissitudini di tre
ragazzine decise a creare un gruppo punk nella
perbenista società Svedese. Moodysson
già regista di Fucking Amal abituato a scrivere ed
a dirigere ragazzini, ci porta la stessa superficialità
di trattare i temi e la volontà di creare prodotti
rassicuranti e gradevoli. Bravissime le tre interpreti.

3 Stelle

The Congress - Ari Folman 2013

In un futuro non troppo lontano, Robin Wright, 
attrice che interpreta se stessa viene
convocata dall'unica casa di produzione cinematografica
rimasta per un nuovo contratto. Dovrebbe cedere i diritti 
della sua immagine e del suo lavoro di attrice per essere 
scannerizzata da un computer, in maniera che lei non 
dovrà più essere presente sul set fisicamente, 
perchè tutto sarà creato al computer…Quello che già ora 
succede in parte dentro agli studios, qui è portato alle 
estreme conseguenze. L'attore scannerizzato non serve 
più, il computer farà fare loro tutto ciò che i potenti delle 
mayor desiderano e bramano. Il sogno di tutti i produttori, 
fare cinema senza le noie, le pretese i contrattempi
che gli attori in quanto esseri umani, creano. Il creatore di 
Valzer con Bashir torna sul luogo del delitto e inserisce 
nel nuovo film una buona ora di animazione, fra Yellow 
Submarine e i fratelli Fleischer, lisergica e coloratissima.
Non raccoglierà i consensi del film precedente, ma la 
capacità di dare un taglio personalissimo al racconto per 
immagini, quale il cinema è, non può che sbalordire. Un 
attacco a tutto quello di esogeno porta in un'altra
realtà, la chimica in primis, ma il cinema e la cultura attuale
della creazione di immagini, a tutti i livelli non è meno 
responsabile. Per cinefili esigenti.


4 Stelle

Maps to the Stars - David Cronenberg 2013

Agatha arriva a Los Angeles dalla Florida,
decisa a trovarsi un lavoro ed a cambiare vita,
ma ben presto scopriremo che c'è bel altro dietro
un apparente semplice trasferimento a caccia di
stars…Una manciata di esseri umani avvitati su
stessi e sul loro passato, con la caratteristica di
non nutrire nessun tipo di affetto tra di loro.
Cronenberg e sceneggiatore ci mostrano una Hollywood,
teatro delle peggior specie di esseri umani e sembra
abbiano scoperto l'acqua calda, forse un po' distratti dal
fatto che tutto l'occidente, si muove ormai su
tali motivazioni. Si concentra sul modo di creare immagini
di Hollywood tanto da far uccidere da Agatha proprio la
macchina da presa che crea realtà ormai semplicemente
autocelebrative che hanno poco ho niente da dire.
Il film si sorregge sull'interpretazione di Julianne Moore,
perfetta nel ruolo di attrice e di essere umano schizofrenico,
preda delle proprie paranoie e di visioni del passato.
Per certi peccati non c'è redenzione, solo l'autodistruzione.
E Hollywood è fucina di peccati, specie verso il cinema.
Meditate gente…


4 Stelle

Tango Libre - Frédéric Fonteyne 2012


Il secondino JC è un uomo senza vita, sepolto 
dalle regole. Nondimeno, una passione lo anima: 
il tango. E proprio a una lezione di tango conosce 
Alice, i due ballano insieme e l'intesa è perfetta. 
Il giorno successivo, fatto inaspettato, JC ritrova 
Alice proprio in prigione. Lei, infatti, è la donna 
di due detenuti…Un film sulla femme fatale, 
sui rapporti "aperti, sull'inesplicabilità del rapporto 
amoroso. Ma è solo un tentativo mal riuscito. 
Il regista Fonteyne fa del suo meglio per tenere 
insieme una sceneggiatura che fa il verso ad Almodovar,
(scritta dalla consorte e protagonista della pellicola)
ma zoppica e non decolla mai.

1 Stella

Locke - Steven Knight 2013

Un capo-cantiere finisce il suo turno di lavoro,
si cambia, sale sulla sua auto e si avvia nella
città notturna, in apparenza verso casa. 
Al primo semaforo decide di cambiare 
destinazione e in tutta la durata
del film scopriremmo perché…Locke è
una sfida al cinema contemporaneo. Girato
solo dentro un abitacolo di una BMW con
un unico attore insegna che per fare cinema
non servono budget milionari se si hanno
buone idee. Bisognerebbe mostrarlo in
tutte le scuole di cinema. Detto questo si
tratta di un thriller morale sull'incapacità
dell'uomo contemporaneo di tenere insieme
tutto ciò che la contemporaneità suggerisce
come stile e valori di vita.

4 Stelle

Solo gli Amanti Sopravvivono - Jim Jarmush 2013

Adam è un musicista che vive in periferia di Detroit, solo
e attorniato da lacchè. Eve è la sua compagna che vive 
però a Tangeri. Ogni tanto si ricongiungono, ma stavolta
la sorella di lei, Ava, si insinuerà, sconvolgerà le 
loro vite e il loro rapporto...Il film è una storia d'amore, languida, soave attorniata da un velo di candore che si
svolge in una oscura Detroit abbandonata,
post-industriale e derelitta, abitata solo  da fantasmi. Un'ambientazione "notturna" con musiche underground, post-rock dilaniate e dilanianti. Jarmusch non smette di stupire e costruisce un'altra storia intima e al tempo stesso debordante. Con una Tilda Swinton icona maledetta da sballo.


4 Stelle

Piccola Patria - Alessandro Rossetto 2013

Luisa e Renata lavorano in un grande hotel nel nord-est 
come cameriere. Per arrotondare si dedicano ad altre
pratiche…Per il sottoscritto è un dovere recensire questo film. Essendo io un compaesano del gruppo canoro I Crodaioli parte fondamentale della colonna sonora. Entusiasmante l'incipit del film con la visione aerea del paesaggio veneto con la canzone L'acqua xè morta, che sottolinea l'incoerente dispersione del tessuto agricolo-urbano. Rossetto mette insieme un noir coi fiocchi, e lo fa dove e nato e cresciuto, il profondo veneto laborioso, credente e contraddittorio. Ma la storia potrebbe parlare di qualsiasi posto, tanto i temi sono universali e lapidari ormai. Nessuna remora o sconto per nessuno da vero contemporaneo, il regista costruisce per immagini, e se in apparenza sembra dilatare la storia. La storia non ci sarebbe senza una dilatazione così pregnante. Uno stile tutto suo che è già un marchio di fabbrica, fermo, deciso senza fronzoli e coinvolgente. La scelta di relegare i dialoghi all'essenziale e prediligere i particolari e le inquadrature quasi stantie sulle piccole o grandi miserie umane. Un tessuto umano xenofobo, becero, superficiale da provincia universale (potremmo essere in Texas, in una qualsiasi provincia Russa, in Francia o da qualsiasi altra parte)..In realtà ci parla del Veneto ma è simile a qualsiasi altro posto. A lui interessa "mostrare" in funzione ad una storia, antropologicamente da dove nasce, da che tessuto scaturisce. E lo fa magnificamente...Grande cinema, come se ne vede poco ultimamente.

6 Stelle

Miss Violence - Alexandros Avranas 2013

Nel giorno del suo undicesimo compleanno, Angeliki si 
getta dal balcone e muore con un sorriso sul volto. 
La Polizia e i servizi sociali cercano di scoprire il motivo 
di questo apparente suicidio…Miss Violence fa tornare 
alla mente un certo Haneke di Funny Games per la 
crudeltà inquietante di cui è intriso. La casa degli orrori, 
con i suoi gironi infernali divisi da porte. Se la regia è 
tanto efficace e claustrofobia, inversamente, 
soggetto e sceneggiatura richiamano ad una genialoide 
devianza mentale di chi là scritta. Forse 
che il regista volesse fare una metafora dei pericoli
insiti all'interno dell'istituzione famiglia ? Nascosta all'interno 
di quattro mura ? Perché la violenza a tutti i livelli e la 
crudeltà messi in scena non ha spiegazione alcuna. 
Un horror, non nel senso di film di genere.
Bravissimo il protagonista Themis Panou nei panni di 
un mefistofele moderno.

1 Stella

I Corpi Estranei - Mirko Locatelli 2013

Milano, all'interno di un'ospedale vive Antonio. 
Padre di un bambino malato di cancro al 
cervello, in attesa di essere operato. Fra 
le attese delle cure fa conoscenza di altri 
parenti di malati extracomunitari…Il film è 
un'incursione dentro la malattia, non del 
bambino, ma quella malattia che si chiama 
isolamento, diffidenza e ignoranza. Un padre 
lontano da casa, solo e in difficoltà. Dichiarazione 
palese dell'incapacità delle nostre strutture sociali 
di creare un ambiente adatto per affrontare 
problemi di questo tipo. Filippo Timi dà il meglio 
di se per rendere questo padre autentico e ci 
riesce, ma il film resta sempre sul lato esteriore 
delle difficoltà. Il di dentro non ci è mostrato.


2 Stelle

Nymphomaniac Vol. 2 - Lars Von Trier 2013

La seconda parte di Nymphomaniac risolve e
dispiega i vari interrogativi creati dal primo capitolo.
La presa in giro diventa meno plateale e tutto diventa
più chiaro. Von Trier si schiera dalla parte degli
emancipati denigratori del maschilismo e cavalca la
ragione femminile. E come ci ha abituati, lo fa in maniera
viscerale, cruda e propenso all'autenticità intellettuale
che la sua intelligenza gli permette. Nel tempo è diventato
un maestro del fare cinema, e questo gli dà i mezzi per
affrontare questo tema con relativo equilibrio, adottando
una sorta di Reverse engineering che ci obbliga alla
visione di tutte e due i capitoli. Von Trier è uscito dal
periodo cupo che gli ha fatto girare
Antichrist e Melancholia, perché qui la vitalità intrinseca
è palese, anche se nel finale vorrebbe ricondurci (si)
nella disillusione più acerba.

3 Stelle